04/10/2017 |

F-Secure: 7 principi fondamentali di cyber security per prevenire attacchi informatici

In occasione dello European Cyber Security Month, F-Secure elenca 7 principi di cyber security indispensabili per combattere gli attacchi in modo efficace

Milano, 4 ottobre 2017 – Si possono dire tante cose sulla sicurezza informatica, ma una cosa è certa: non è mai noiosa. Da una parte abbiamo a che fare con un panorama delle minacce in continua mutazione, con nuovi attaccanti, nuove tattiche e nuove minacce che emergono ogni giorno. Dall’altra, occorre gestire il rapido cambiamento a cui è sottoposta l’infrastruttura aziendale.

Nel mese dedicato alla promozione e al potenziamento della cyber sicurezza in tutti i Paesi membri dell’Unione europea (Ue), F-Secure – fornitore a livello globale di cyber security – condivide alcuni principi fondamentali utili per prevenire attacchi informatici.

La sicurezza informatica deve essere trattata come un processo senza fine di continuo sviluppo. Un processo che richiede un approccio olistico alla cyber security e che deve supportare le aziende nel raggiungere i loro obiettivi strategici in costante evoluzione. F-Secure chiama questo approccio “Live Security”. Occorre un tacito impegno a rispettare 7 principi fondamentali per prevedere, prevenire, rilevare e rispondere in modo efficace agli attacchi.

  1. Servono “uomo” e “macchina” per vincere.

Gli attaccanti combinano persone, processi e tecnologia per oltrepassare le tue difese. A te serve lo stesso – la giusta combinazione di persone, processi e tecnologia per impedire che gli attacchi vadano a buon fine.

  1. L’esperienza locale e dell’industria sono entrambe importanti.

Proteggere la proprietà intellettuale di un brand globale richiede un approccio alla cyber security molto diverso rispetto al rafforzare la sicurezza informatica nel mondo dell’aviazione, o al proteggere pagamenti online. In egual misura, le pratiche e le regolamentazioni sulla cyber security differiscono da Paese a Paese. Per esempio, le aziende in EU sono pesantemente impegnate in questo periodo a conformarsi al Regolamento Generale per la Protezione dei Dati (GDPR) che entrerà in vigore a Maggio 2018.

  1. Non è possibile ignorare l’intelligence delle minacce.

Tenere il passo con l’intelligence delle minacce può essere faticoso. Applicare l’intelligence delle minacce alle operazioni di cyber security può essere ancora più arduo. Ma è fondamentale per migliorare costantemente le tue difese.

  1. La cyber security deve essere agile.

Gli attaccanti possono cambiare strategia in un istante, cogliendo nuove opportunità nel momento in cui si aprono. Per stare al passo, devi essere in grado di prevedere le minacce, prevenire la maggior parte di esse, rilevare attacchi quando accadono, e rispondere velocemente e in modo appropriato se sei stato colpito. Devi quindi avere un approccio a 360° alla cyber security.

  1. Una superficie di attacco distribuita richiede una sicurezza distribuita.

Oggi la forza lavoro “mobile” richiede un accesso costante a dati e servizi attraverso un’ampia gamma di dispositivi in continua crescita. E’ importante rendere prioritaria una visione centralizzata di ogni endpoint sulle tue reti. Inoltre, applicare patch alle vulnerabilità è una delle misure più importanti che puoi prendere per prevenire attacchi.

  1. In gioco c’è la conformità.

La maggior parte delle grandi aziende sarà anche stata conforme ai regolamenti, ma ciò non ha impedito loro di essere violate. Le regolamentazioni sono un importante punto di partenza per la cyber security. Ma i criminali informatici si muovono più velocemente di chi fa regolamentazioni. Quindi è essenziale un approccio proattivo e instancabile verso la cyber security.

  1. Non è mai finita.

Nella cyber security il lavoro non è mai finito: i tuoi attaccanti non si fermeranno mai.  Quindi la tua cyber security non potrà mai fermarsi o rallentare. Ti serve un approccio proattivo progettato per migliorarsi e adattarsi in continuazione. Solo allora potrai prevedere, prevenire, rilevare e rispondere agli incidenti.

Per maggiori informazioni: https://www.f-secure.com/it_IT/web/business_it/our-approach

F-Secure

Nessuno conosce la cyber security come F-Secure. Per tre decenni, F-Secure ha guidato l’innovazione nella cyber security, difendendo decine di migliaia di aziende e milioni di persone. Con un’esperienza insuperabile nella protezione degli endpoint, così come nella rilevazione e risposta, F-Secure difende aziende e utenti da attacchi informatici avanzati, violazioni di dati e dalle diffuse infezioni ransomware. La sofisticata tecnologia di F-Secure combina la forza del machine learning con l’esperienza umana degli esperti presenti nei suoi rinomati laboratori di sicurezza con un approccio singolare chiamato Live Security. Gli esperti di sicurezza di F-Secure hanno preso parte a più investigazioni sul crimine informatico in Europa di qualsiasi altra azienda sul mercato, e i suoi prodotti sono venduti in tutto il mondo attraverso oltre 200 operatori di banda larga e telefonia mobile e migliaia di rivenditori.

Fondata nel 1988, F-Secure è quotata al NASDAQ OMX Helsinki Ltd.

f-secure.it |f-secure.com| twitter.com/fsecure | facebook.com/f-secure

Seguici anche sul blog italiano Safe&Savvy: it.safeandsavvy.f-secure.com

e sull’account Twitter italiano: @F-Secure_IT

Contatti per la stampa:
Samanta Fumagalli
Resp. Ufficio Stampa
samanta.fumagalli@gmail.com
info@samantafumagalli.com
Mobile 320.9011759

Gli ultimi comunicati stampa

04/10/2018

F-Secure e Zyxel insieme per offrire WiFi sicuro nelle case connesse

F-Secure Connected Home Security sarà integrato nei gateway Zyxel destinati all’utenza domestica

20/09/2018

F-Secure TOTAL include nuove funzionalità per proteggere te, i tuoi dispositivi e la tua casa

La nuova offerta di cyber security di F-Secure per il mondo consumer combina la protezione per la casa connessa e la gestione delle password con la sicurezza Internet e una VPN

13/09/2018

Un punto debole scoperto nel firmware dei moderni notebook mette a rischio le chiavi di crittografia

Gli esperti sostengono che le attuali misure di sicurezza non siano sufficienti per proteggere i dati sui notebook che vengono persi o rubati

31/07/2018

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero uno poiché ai criminali basta aggiungere pochi nuovi trucchi a questo classico metodo di attacco

%d bloggers like this: