25/01/2018 |

“Proteggere l’IoT ora, per non correre il rischio di un futuro inquietante”: il monito arriva dagli esperti di F-Secure

Il nuovo report sponsorizzato da F-Secure rivela che le falle di sicurezza nei dispositivi odierni connessi a Internet aumenteranno sempre di più se non si prendono contromisure nell’immediato

Milano, 25 gennaio 2018 –  L’Internet of Things (IoT) che conosciamo oggi rappresenta una minaccia considerevole per i consumatori a causa di regolamenti inadeguati sulla sicurezza e privacy: così affermano gli esperti intervistati dal Cyber Security Research Institute per il nuovo report “Internet of Things: Pinning down the IoT” sponsorizzato da F-Secure. Occorre agire rapidamente per evitare scenari futuri inquietanti.

Se consideriamo il numero di dispositivi connessi che probabilmente supera già la popolazione umana mondiale, l’IoT è già quasi inevitabile.* Milioni di dispositivi connessi sono già stati compromessi per essere usati come parte della botnet Mirai. Molti utenti non sono consapevoli dei rischi collegati ai loro dispositivi connessi e i produttori spesso immettono prodotti velocemente sul mercato senza prendere in considerazione i requisiti e le impostazioni minime di sicurezza.

Questa situazione potrebbe creare uno scenario persino più spaventoso di quello dello scandalo delle intercettazioni telefoniche dei giornali inglesi, a causa dell’adozione massiva di dispositivi IoT non sicuri,” si spiega nel report.

Anche se milioni di nuovi dispositivi si connettono online ogni giorno, gli utenti sono ancora generalmente consapevoli che i loro nuovi apparati “intelligenti” andranno online. Ma la brama di dati dei consumatori potrebbe cambiare tutto ciò in futuro.

Col tempo quasi tutti i dispositivi domestici saranno online e non sembreranno dispositivi intelligenti all’utente finale,” spiega nel report Mikko Hypponen, Chief Research Officer di F-Secure.Sembreranno dispositivi stupidi, ma saranno in realtà intelligenti pur non offrendo alcuna funzionalità al consumatore finale, perché il vero motivo per cui andranno online sarà per riferire e riportare dati al produttore che li ha costruiti.”

Già oggi è difficile trovare un modello di un qualsiasi dispositivo, ad esempio un televisore, che non offra connessione a Internet.

Le leggi della domanda e dell’offerta non hanno ancora prodotto un IoT costruito per il futuro. Se gli utenti non chiedono che questi dispositivi siano anche sicuri, i produttori non considereranno mai la sicurezza come una priorità. Ma dato che la nostra società probabilmente svilupperà miliardi di dispositivi IoT, potrebbe essere necessario per i governi intervenire per richiedere requisiti di sicurezza.

Nel report, Michael Barton, Capo della Polizia di Durham ha dichiarato: “Occorre una regolamentazione molto forte quando si parla di IoT. Non puoi vendere giocattoli con aghi o parti appuntite che possano ferire i bambini. Non puoi vendere auto dove i freni funzionano a intermittenza. Né dovresti essere in grado di vendere dispositivi IoT che permettano di svuotare i conti bancari delle persone.”

Oltre ad informare gli utenti sui rischi che gli attuali dispositivi IoT portano con sé come sembra stiano facendo negli Stati Uniti**, i governi devono anche preoccuparsi della qualità della tecnologia che viene messa nelle mani e nelle case degli utenti, si dice nel report. I produttori di questi dispositivi dovrebbero sottostare a regolamenti che assicurino che i prodotti che arrivano sul mercato non siano carenti dal punto di vista delle misure di sicurezza e di privacy.

* http://www.zdnet.com/article/iot-devices-will-outnumber-the-worlds-population-this-year-for-the-first-time/

** https://www.theregister.co.uk/2018/01/09/us_govt_cybersecurity_recommendations/

Per maggiori informazioni:

Blog – Wake-Up Call: The Time to Secure the IoT is Now

Infografica – The Connected Revolution: A Modern Snapshot

F-Secure
Nessuno conosce la cyber security come F-Secure. Per tre decenni, F-Secure ha guidato l’innovazione nella cyber security, difendendo decine di migliaia di aziende e milioni di persone. Con un’esperienza insuperabile nella protezione degli endpoint, così come nella rilevazione e risposta, F-Secure difende aziende e utenti da attacchi informatici avanzati, violazioni di dati e dalle diffuse infezioni ransomware. La sofisticata tecnologia di F-Secure combina la forza del machine learning con l’esperienza umana degli esperti presenti nei suoi rinomati laboratori di sicurezza con un approccio singolare chiamato Live Security. Gli esperti di sicurezza di F-Secure hanno preso parte a più investigazioni sul crimine informatico in Europa di qualsiasi altra azienda sul mercato, e i suoi prodotti sono venduti in tutto il mondo attraverso oltre 200 operatori di banda larga e telefonia mobile e migliaia di rivenditori.

Fondata nel 1988, F-Secure è quotata al NASDAQ OMX Helsinki Ltd.

f-secure.it |f-secure.com| twitter.com/fsecure | facebook.com/f-secure

Seguici anche sul blog italiano Safe&Savvy: it.safeandsavvy.f-secure.com

e sull’account Twitter italiano: @F-Secure_IT

 

Contatti per la stampa:
Samanta Fumagalli
Resp. Ufficio Stampa
samanta.fumagalli@gmail.com
info@samantafumagalli.com
Mobile 320.9011759

Gli ultimi comunicati stampa

04/10/2018

F-Secure e Zyxel insieme per offrire WiFi sicuro nelle case connesse

F-Secure Connected Home Security sarà integrato nei gateway Zyxel destinati all’utenza domestica

20/09/2018

F-Secure TOTAL include nuove funzionalità per proteggere te, i tuoi dispositivi e la tua casa

La nuova offerta di cyber security di F-Secure per il mondo consumer combina la protezione per la casa connessa e la gestione delle password con la sicurezza Internet e una VPN

13/09/2018

Un punto debole scoperto nel firmware dei moderni notebook mette a rischio le chiavi di crittografia

Gli esperti sostengono che le attuali misure di sicurezza non siano sufficienti per proteggere i dati sui notebook che vengono persi o rubati

31/07/2018

40 anni dopo, lo spam è ancora il mezzo più usato dai criminali online

Una nuova ricerca di F-Secure e MWR Infosecurity evidenzia che lo spam è la fonte malware numero uno poiché ai criminali basta aggiungere pochi nuovi trucchi a questo classico metodo di attacco

%d bloggers like this: