18/07/2019 |

Un tool gratuito rivela il vero costo dei servizi online gratuiti: i tuoi dati e la tua identità

Il Data Discovery Portal aiuta a scoprire cosa Facebook, Amazon, Google e altri giganti della tecnologia sanno dei consumatori

Milano, 18 luglio 2019 – F-Secure ha rilasciato un nuovo tool online gratuito che aiuta a far emergere il vero costo che sta dietro l’uso di alcuni dei più popolari servizi gratuiti del web: questo costo è rappresentato dalla mole di dati che sono stati raccolti da Google, Apple, Facebook, Amazon Alexa, Twitter e Snapchat. F-Secure Data Discovery Portal indirizza direttamente gli utenti a quelle risorse – spesso difficili da trovare – fornite da ciascuno di questi giganti della tecnologia che permettono agli utenti di rivedere i loro dati, in modo sicuro e privato.

Ciò che accade con la raccolta dei dati è una questione che riguarda interamente te e il servizio” spiega Erka Koivunen, Chief Information Security Officer di F-Secure. “Non vediamo – né vogliamo vedere – le tue impostazioni o i tuoi dati. Il nostro unico scopo è aiutarti a scoprire quanto delle tue informazioni è là fuori.

Più della metà degli utenti Facebook adulti, il 54%, ha modificato le impostazioni relative al modo in cui usa questo social media sull’onda dello scandalo che ha messo in luce come Cambridge Analytica abbia raccolto i dati senza il consenso degli utenti.* Ma il social network più grande al mondo continua a crescere, registrando 2.3 miliardi di utenti mensili alla fine del 2018.**

Spesso senti dire, ‘se non stai pagando, il prodotto sei tu.’ Ma i tuoi dati sono un asset per qualsiasi azienda, sia che tu stia pagando per un prodotto oppure no,” precisa Koivunen. “I dati permettono alle aziende tecnologiche di vendere miliardi in pubblicità e prodotti, alimentando quello che viene considerato come il più grande business nella storia del denaro.”

F-Secure sta offrendo questo tool come parte della crescente attenzione dell’azienda verso la protezione dell’identità che protegge gli utenti prima, durante e dopo le violazioni. Diffondendo la conoscenza dei potenziali costi di questi servizi “gratuiti”, il Data Discovery Portal intende aumentare la consapevolezza negli utenti che proteggere i loro dati e la loro identità è oggi più importante che mai.

Da una recente indagine di F-Secure è emerso che il 54% degli utenti Internet sopra i 25 anni teme che qualcuno violi i propri account social media.*** I dati sono sicuri se le reti delle aziende che li raccolgono sono sicure, così come le password e le tattiche usate per proteggere i nostri account. Nonostante le impostazioni che questi siti offrono siano utili, non possono prescindere dalla raccolta di dati.

Sebbene gli utenti forniscano volontariamente queste informazioni, dovrebbero comprendere quali sono le implicazioni sulla privacy e la sicurezza che si generano col creare account che posseggono più dettagli sulla nostra identità di quanti potremmo condividere con la nostra famiglia,” sostiene Koivunen. “Tutte queste informazioni potrebberero finire nelle mani di un hacker con una violazione o una compromissione di un account.”

In ogni caso, non ci sono regole d’oro per gli utenti quando si tratta di difendere in modo permanente la sicurezza o nascondere i dati dai servizi che scelgono di usare.

Le impostazioni standard sulla privacy sono tipicamente poco stringenti, sia che tu stia usando un social network, app, browser o qualsiasi altro servizio,” afferma Koivunen. “Controlla le tue impostazioni ora, se non l’hai ancora fatto, e fallo periodicamente. Non importa cosa tu possa fare, nulla fermerà queste aziende dal raccogliere informazioni su ciò che stai facendo quando ti logghi ai loro servizi.”

Per maggiori informazioni su cosa le persone possono fare per ridurre le loro “impronte” digitali su Facebook, Twitter e Google, consulta questo post sul blog di F-Secure.

 

*Fonte: https://www.pewresearch.org/fact-tank/2018/09/05/americans-are-changing-their-relationship-with-facebook/

**Fonte: https://www.theverge.com/2019/1/30/18204186/facebook-q4-2018-earnings-user-growth-revenue-increase-privacy-scandals

***Fonte: Indagine F-Secure Identity Protection Consumer (B2C), Maggio 2019, condotta in collaborazione con la società di indagine Toluna in 9 Paesi (USA, Regno Unito, Germania, Svizzera, Paesi Bassi, Brasile, Finlandia, Svezia, e Giappone), su 400 persone per ogni Paese per un totale di 3600 utenti (+25anni)

 

F-Secure

Nessuno conosce la cyber security come F-Secure. Per tre decenni, F-Secure ha guidato l’innovazione nella cyber security, difendendo decine di migliaia di aziende e milioni di persone. Con un’esperienza insuperabile nella protezione degli endpoint, così come nella rilevazione e risposta, F-Secure difende aziende e utenti da attacchi informatici avanzati, violazioni di dati e dalle diffuse infezioni ransomware. La sofisticata tecnologia di F-Secure combina la forza del machine learning con l’esperienza umana degli esperti presenti nei suoi rinomati laboratori di sicurezza con un approccio singolare chiamato Live Security. Gli esperti di sicurezza di F-Secure hanno preso parte a più investigazioni sul crimine informatico in Europa di qualsiasi altra azienda sul mercato, e i suoi prodotti sono venduti in tutto il mondo attraverso oltre 200 operatori di banda larga e telefonia mobile e migliaia di rivenditori.

Fondata nel 1988, F-Secure è quotata al NASDAQ OMX Helsinki Ltd.

f-secure.it |f-secure.com| twitter.com/fsecure | facebook.com/f-secure

Seguici anche sul blog italiano: https://blog.f-secure.com/it/

e sull’account Twitter italiano: @F-Secure_IT

 

Contatti per la stampa:
Samanta Fumagalli
Resp. Ufficio Stampa
samanta.fumagalli@gmail.com
info@samantafumagalli.com
Mobile 320.9011759

Gli ultimi comunicati stampa

13/02/2020

F-Secure Countercept si aggiudica un contratto pluriennale con una società di logistica e ingegneria

Le pluripremiate funzionalità di threat hunting delle soluzioni di managed detection and response continuano a suscitare interesse

10/02/2020

F-Secure rilascia la nuova versione del suo computer tascabile sicuro

USB armory Mk II è uno dei single-board computer più piccoli al mondo, realizzato per applicazioni che richiedono l’efficienza dell’elaborazione integrata senza sacrificare la sicurezza.

30/01/2020

Carmen Palumbo nominata Country Sales Manager Italy di F-Secure

Entrata in F-Secure nel 2017 per dirigere il Marketing dell’azienda in Italia, con l’inizio del nuovo anno guiderà le vendite della multinazionale sul territorio nazionale

09/01/2020

F-Secure scopre vulnerabilità in un noto sistema di presentazione wireless

Gli esperti di sicurezza di F-Secure mettono in guardia sul fatto che i dispositivi di cui ci fidiamo ciecamente sono i bersagli preferiti degli attaccanti

%d bloggers like this: